L’altra faccia della Luna – Ebook

Sono un po’ emozionata… anzi molto emozionata, perché oggi il mio libricino vede finalmente la luce. Potete trovarlo sul sito della Triskell Edizioni e nelle maggiori librerie online.

cover

Titolo: L’altra faccia della Luna
Autore: LauraDB
Genere: Fantasy, Young Adult
Rating: G – per tutti
Numero di pagine: 225
ISBN: Edizione Ebook 978-88-98426-15-7

Emma è una ragazza capace e intelligente, fermamente ancorata alla stabilità della sua quotidianità, alla solidità dell’amicizia con Arianna e Andrea e alla sua razionalità.

La sua vita sociale è un disastro: lei e i suoi amici sono costantemente bersaglio dei bulli della scuola. Nonostante siano ormai rassegnati a vivere da emarginati, il loro penultimo anno di liceo subisce una svolta inaspettata quando fa la sua comparsa un nuovo studente.

Hisoka non sembra preoccuparsi del fatto che i tre sembrino quasi invisibili agli occhi degli altri ed è determinato a diventare loro amico, nonostante la palese ostilità di Emma.

Poi, improvvisamente, la noiosa attività scolastica del liceo “Fidenzio Neretti” viene sconvolta dalla misteriosa scomparsa di Chiara Pini. Emma e i suoi amici sono intenzionati a scoprire la verità su quell’assurda sparizione, ma si trovano ben presto a fare i conti con eventi che hanno del soprannaturale.

Riuscirà Emma ad aprire la mente a qualcosa che ha ben poco a che fare con la sua ostinata razionalità?

[Estratto] Capitolo II

C’erano alcune cose in cui Emma credeva: l’amicizia, la famiglia, l’amore incondizionato di un cane, la possibilità che, da qualche parte nel vasto universo, potesse esistere una qualche specie di vita. Credeva nel fatto che ogni uomo è artefice del proprio destino, nella possibilità che in un futuro che sperava non troppo lontano la scienza sarebbe riuscita a trovare una cura per tutti i mali.
Poi c’erano molte cose in cui non credeva affatto: fate, folletti, sirene, vampiri, licantropi, fantasmi, mostri, televendite, venditori porta a porta, commesse troppo sorridenti, impiegati scorbutici, medici accondiscendenti. Ma più di ogni altra cosa, non credeva alle veggenti di ogni genere e fattezza. Non credeva alle loro previsioni e ai loro fantomatici poteri che avevano come unico effetto positivo quello di scucire un bel po’ di denaro al malcapitato di turno… se così si poteva definirlo, visto che ci era capitato di sua spontanea volontà.